giovedì 25 ottobre 2018

Crostata con Ricotta, Fichi e More... prima che finisca l'autunno!

L'autunno è una stagione meravigliosa. Colori caldi, aria fresca, il cambio degli armadi. La copertina sul divano, le serie TV che riprendono con le nuove stagioni. E cosa, se non i fichi, rappresentano al meglio questa stagione. Così ho deciso di creare una frolla senza uova né burro, con un ripieno cremoso, ma altrettanto leggero di ricotta. Ed infine loro... i fichi, accompagnati dalle more coltivate dal mio papà quest'estate e conservate in freezer per le occasioni speciali.



Ingredienti per la frolla:

  • 100 g farina tipo 0 (o farina di riso per la versione senza glutine)
  • 50 g farina di grano saraceno
  • 100 g farina di mandorle
  • un abbondante pizzico di sale di Cervia
  • un cucchiaino di lievito per dolci
  • 55 g di zucchero di canna
  • 55 g di acqua
  • 60 g di olio di riso o olio di semi

Per il ripieno:
  • 1 confezione di RiCcotta Valcolatte da 250 g
  • 2 tuorli
  • 75 g di miele
  • 6 fichi piccoli
  • una manciata di more (circa 100 g)

Per la frolla impastare tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo. Stendere l'impasto tra due fogli di carta forno fino ad ottenere uno spessore di 4-5 mm. Togliere il foglio di carta superiore, posizionare sulla frolla la tortiera del diametro di 20 cm. Ritagliare la frolla lasciando un bordo di 2 cm dalla tortiera (deve essere un cerchio più grande della tortiera stessa). Con il foglio di carta forno sollevare la frolla e adagiarla all'interno della tortiera (assieme alla carta forno). Far aderire bene l'impasto alle pareti. Mettere la tortiera in frigorifero.


Con questi ingredienti ho scelto una tortiera più piccola come dimensioni rispetto a quella classica (di 24-26 cm) per avere uno strato più spesso di crema di ricotta. Nulla vieta di utilizzare una tortiera classica e ottenere uno strato minore di ricotta oppure potete aumentare di un terzo sia la farcia che la frutta. Ma a proposito di frolla, come potete vedere è una frolla "povera" senza uova e senza burro. Perchè? Ho fatto questa scelta perché a differenza della crostata classica qui il ripieno è ricco e quindi ho deciso di alleggerire la la base. Nessuno vi vieta di utilizzare una frolla classica, come questa ad esempio. Per quanto riguarda le farine, se non vi piace potete sostituire il grano saraceno con tutta farina 0 o di riso, ma vi garantisco che è un abbinamento perfetto con more e fichi.


Nel frattempo preparare la crema mescolando con una frusta, la ricotta, i tuorli ed il miele. 
Vi svelo un segreto... se non avete voglia di impazzire o avete fretta questa crema di ricotta è perfetta per golosi bicchierini che si possono arricchire con frutta di stagione o perché no con scaglie di cioccolato. Adagiate la crema nella frolla, decorare con la frutta (Io ho scelto fichi e more, ma via libera alla fantasia). Infornare a forno caldo a statico a 180°C per 45 minuti. Questa torta è davvero davvero golosa sono convinta che vi piacerà.


Trovate questa ricetta anche tra la raccolta del Caseificio Valcolatte!

Share:

martedì 23 ottobre 2018

Ciambella Marmorizzata Zucca & Cacao

Ogni anno, a inizio ottobre, penso a quale ricetta potrei preparare per darvi qualche idea per un menù "mostruoso" di Halloween, ma poi mi ritrovo al 31 che non sono riuscita anticipatamente e pubblicare nulla. E anche quest'anno è andata così... se non fosse per questa ciambella alla zucca perfetta per la colazione di ogni mattina autunnale (e ovviamente anche per il 31 ottobre :-)).


Soffice, umida e aromatica, di quelle ciambelle perfette da tagliare a fette spesse e inzuppare in una tazza di tè fumante. Che dite? Vi ho fatto venir voglia di accendere il forno?

Per una teglia di 20/22 cm:

  • 100 g di farina tipo 0
  • 100 g di farina integrale
  • 100 g di zucchero integrale
  • 50 g di olio di semi o di riso
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 300 g di polpa di zucca cotta*
  • 1 yogurt interno al naturale
  • 2 uova
  • un pizzico di sale
  • spezie q.b. (cannella, zenzero, ecc.) (facoltativo)


In una ciotola ampia mettere le uova, l'olio, lo zucchero, lo yogurt e la polpa di zucca. Con un minipimer frullare il tutto fino a creare un composto omogeneo e spumoso. Aggiungere le farine, il lievito, il pizzico di sale ed il lievito. Con una spatola incorporare le polveri. Ricoprire la teglia con carta forno bagnata e strizzata in modo da farla aderire bene. 


Versare i 2/3 del composto nella tortiera. Nel restante impasto aggiungere 3 cucchiai di cacao. Aggiungere l'impasto al cacao a cucchiaiate sull'impasto neutro. Prendere una forchetta e muoverla all'interno dell'impasto per creare l'effetto marmorizzato. Infornare la torta in forno caldo a 180°C per 40-45 minuti circa. Fare sempre la prova stecchino.


*Io vi consiglio di cuocere la zucca in forno ricoperta completamente di carta stagnola. Fate un bel pacchettino con la zucca pulita e tagliata a cubotti. Cuocere a 200°C per circa 30-40 minuti o finché la zucca non sarà morbida. In questo modo la zucca manterrà tutto il suo sapore e non sarà acquosa. Quella che vi avanza potete servirla come contorno condita con sale e olio extravergine di oliva.


Happy Halloween!

Share:

domenica 21 ottobre 2018

Polpettine di Legumi facili e veloci, perfette per il #meatfreemonday!

Dato che domani è lunedì queste polpettine ai legumi cadono alla perfezione per il "meat free monday"ovvero il lunedì senza carne. Questa iniziativa di dedicare un giorno della settimana alla cucina senza carne è nata in America. Fu proprio una "campagna per la salute" promossa dal governo e appoggiata da Paul McCartney che istituì il sito www.meatfreemondays.com.

Non entrerò nel discorso carne si o carne no. Etica, ideologia o quant'altro non mi interessa. Io mangio carne, ma cerco di limitarne il consumo. Questo perché nelle linee guida per prevenire alcune patologie quali tumori o malattie cardiovascolare gli studi scientifici sono d'accordo nel dire che limitare le carni rosse e soprattutto quelle processate (ovvero insaccati come salame, mortadella, salsiccia ecc..) può essere davvero utile alla salute. E allora perché non partire da una iniziativa carina come il "lunedì senza carne"!?


Difatti anche il World Cancer Research consiglia di limitare il consumo di carte rossa a non più di tre porzioni a settimana, equivalenti a circa 350-500 grammi di carne cotta e di evitare la carne processata. Ma veniamo alla ricetta. Queste polpettine cotte in forno sono facili, veloci e perfette per consumare legumi come cannellini, borlotti o ceci (anche utilizzando quelli in scatola di buona marca). Sono perfette anche per il take away, quindi via libera ai pranzi in ufficio o in università #meatfree. Inoltre sono anche senza glutine quindi perfette per chi è celiaco.



Per 4 - 6 persone (24 pezzi):

  • 700 g di legumi cotti a scelta tra cannellini, borlotti, ceci
  • 1 cucchiaio e 1/2 di curry
  • 2 cucchiai di olio evo
  • sale e pepe q.b.
  • erba cipollina tritata (circa 20 fili)
  • 100 g farina di mais
  • mix bio di semi oleosi (Melandri Gaudenzio)

Le polpette hanno una consistenza morbida e compatta, se le volete rendere più soffici potete sostituire 200 g di legumi con lo stesso peso patata lessata. In un mixer da cucina con lama unire tutti gli ingredienti tranne la farina di mais ed i semi oleosi. Frullare fino a creare una crema compatta e assaggiare per poter regolare di sale e pepe. Aggiustare la consistenza con la farina di mais aggiungendone un po' alla volta. Si deve ottenere un composto non troppo duro, ma facilmente lavorabile. Creare 24 palline e impanarle con i semi oleosi. Infornare a 180°C per una ventina di minuti circa.


Che dire, spero che questa idea vi piaccia. Fatemi sapere se provate la ricetta! Aspetto la vostra opinione!!


Share:

lunedì 15 ottobre 2018

Flan di Ricotta con Pere e Cioccolato

Eccomi qua con una nuova ricetta super super super golosa!! Ma indovinate un po'... questo dolce è anche amico della dieta! Difatti questo flan di ricotta è un dolce proteico e a basso impatto glicemico. Questo lo rende perfetto per una colazione saziante, che non alza la glicemia, ma che soddisfa le papille gustative (ovviamente può essere servito anche come dessert). Devo dire che con l'abbinamento pera e cioccolato si vince sempre, ma questo flan nato per caso è stata una vera sorpresa!


Perché questo dolce è adatto anche a chi la glicemia alta? Perché ricco di proteine che hanno indice glicemico zero e inoltre è dolcificato con lo xilitolo. Non lo conoscete? Per saperne un po' di più vi  invito a leggere questo post --> clicca qui.


Ma veniamo alla ricetta, per 4/6 porzioni (e una tortiera di 20-22 cm):

  • 500 g di ricotta fresca e soda
  • 4 uova
  • 10 g di cacao
  • 65 g di xilitolo
  • un pizzico di sale di Cervia (facoltativo)
  • 25 g di cioccolato fondente al 75%
  • 1 pera grande o due piccole

In una ciotola capiente versare la ricotta, le uova, il cacao, il pizzico di sale e lo xilitolo. Prendere un minipimer e frullare il tutto fino a creare una crema omogenea. Aggiungere i 3/4 di cioccolato tritato nell'impasto. Versare il composto in una piccola tortiera del diametro di 20-22 cm ricoperta di carta forno. Decorare con il cioccolato rimasto e fettine di pera. Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per circa 40 minuti. Se fate delle mono porzioni saranno sufficienti 20 minuti di cottura.



Ora mi direte, si bello, buono facile, ma lo xilitolo dove lo acquisto? Beh se siete nei pressi di Forlì-Cesena lo trovate nel bio market Matteini a Forlimpopoli (la città di Pellegrino Artusi) e con un prezzo decisamente migliore rispetto alla vendita on-line o altri negozi specializzati.


Vi consiglio di lasciare raffreddare il flan ben bene prima di tagliarlo a fette e se lo lasciate una notte in frigorifero risulterà ancora più compatto. Se ve lo state chiedendo la consistenza è quella di una cheesecake al forno senza base di biscotto. Si conserva in frigorifero per un paio di giorni, ma vi garantisco che non avrete questo problema. Che ve ne pare? Se cercate qualche info in più sul modo degli zuccheri vi consiglio di leggere questo articolo qui, mentre per la serie dolci a basso impatto glicemico vi consiglio anche la ricetta di questa crostata.

Share:

lunedì 1 ottobre 2018

La Colazione buona per il Cuore!

Da tempo sono una grande sostenitrice del cibo come forma di prevenzione. Abbiamo a disposizione tantissimi nutriente super benefici per l'organismo, perché allora non sfruttarli? Ovviamente non basta consumare gli alimenti "buoni" una volta a settima e siamo a posto, per ottenere un beneficio il consumo deve essere pressoché quotidiano. Di un integratore consumate l'intera confezione non solo una capsula no? Quello che vi propongo in questo post è una colazione golosa ma davvero salutare per il nostro cuore. Un porridge con semi di lino e chia, noci e miele.


Secondo studi recenti i semi di lino (assunti macinati al momento) riducono il colesterolo totale e LDL (ovvero quello cattivo) del 5-15% e dei trigliceridi del 36%. Grazie all'acido alfa linoleico (che fa parte della famiglia degli omega-3) i semi di lino consumati regolarmente aumentano il colesterolo buono (HDL) promuovendo la prevenzione delle malattie cardiovascolari. Inoltre migliorano la stipsi. Molto simili sono le proprietà della chia.


Ormai è noto invece che 3-4 noci al giorno possono abbassare significativamente i fattori di rischio cardiovascolari e l'incidenza d'infarto nelle persone sane. Anche esse contengono omega-3. Secondo alcuni studi le noci eserciterebbero una azione benefica anche sul controllo del peso (grazie al potere saziante delle molte fibre). 


Mentre l'avena contiene beta glucani, polisaccardi che raggiungono inalterati l'intestino e fungono da chelanti intrappolando parte del glucosio e del colesterolo dietetico riducendone l'assorbimento e facilitandone l'eliminazione. 


Ma veniamo alla nostra colazione, in un pentolino mettere:

  • 30 g di avena 
  • 130 g latte di mandorle
  • 5 g di semi di chia 
  • 5 g di lino leggermente tritati
  • 15 g di miele (o altro dolcificante a piacere)

cuocere il tutto a fuoco basso per circa 3-5 minuti o fino a che il composto non si sarà addensato. Facile no? Ma soprattutto veloce!!! I semi li potete acquistare direttamente dal sito Melandri Gaudenzio.

A questo punto avete due due possibilità:

1) mangiarlo caldo con l'aggiunta di un bel cucchiaio di skyr o yogurt greco o yogurt vegetale e due noci tritate grossolanamente (opzione che consiglio per l'inverno).

2) aspettare che il composto di avena si raffreddi e comporre un bicchierino a strati alternando il porridge con lo yogurt, guarnire con le noci come nelle foto (opzione che si può preparare la sera prima consigliato per l'estate o per chi ha fretta e/o si porta la colazione al lavoro).




Ma per chiudere in bellezza ecco gli 11 consigli per ridurre gli eventi cardiovascolari del Dott. Balestra, noto cardiologo di Forlì.
  1. Se fumate…smettete!
  2. Se siete in sovrappeso calate di peso. Se non ci riuscite da soli, fatevi aiutare. Se siete obesi ricordatevi di calare lentamente (3-4 kg /anno), altrimenti non manterrete il risultato nel tempo.
  3. Se avete la pressione alta o nella vostra famiglia vi sono casi di ipertensione, riducete l’assunzione di sale a meno di 5 g/giorno (1 cucchiaino in tutto al dì, equivalente a 2 grammi di sodio) o di cibi ricchi di sale (in scatola, conservati, stagionati e attenzione alle etichette). Accurati controlli della pressione sono essenziali.
  4. Assumete almeno 5 porzioni di verdura / frutta al giorno. Un po di cioccolata fondente (> 70%) o di frutta secca non salata, come pistacchi, mandorle, noci.
  5. Mangiate pesce 1 volta alla settimana, meglio quello non di allevamento, come pesce azzurro, polipo, calamaro e seppia.
  6. Fate esercizio fisico, almeno 30 minuti al dì o 60 minuti 3 volte alla settimana. Se siete sedentari fate prima una prova da sforzo!
  7. Accurata igiene orale (fatevi insegnare dal vostro dentista) e siate metodici.
  8. Anche l’igiene mentale fa bene: la riduzione dello stress, l’attenuazione dei conflitti, brevi momenti regolari di stacco dallo stress quotidiano sono molto utili.
  9. Non mangiate troppe proteine animali, massimo una volta al giorno (carne o formaggio o uova o pesce). Ricordate che esistono proteine buone come quelle vegetali, contenute nei cereali integrali e nei legumi.
  10. Assumete pochi grassi, prevalentemente vegetali (bene olio extra vergine di oliva a crudo) e cibi integrali (pane, riso, farro, orzo, kamut). Evitate le bibite dolci. Attenzione ai succhi di frutta zuccherati. 
  11. Assumete prodotti freschi di latteria a basso contenuto di grassi (ricotta, squacquerone, mozzarella, casatella). Si all'uso moderato e quotidiano del parmigiano o del grana (10-15 grammi al dì). 

Spero che questo post vi sia stato utile.

Share:
© Cuor di Ciambella | All rights reserved.
pipdig