giovedì 12 dicembre 2013

La vera Ciambella Romagnola (Zambèla)

Da noi, in Romagna, la ciambella (senza il buco) è il dolce per eccellenza!! Non c'è festa paesana che non si concluda con un po' di ciambella "tociata" ovvero bagnata nel vino! Questo dolce lo troverete in tutti i forni che si rispettino qui da noi e vi garantisco che anche la mattina con una bella tazza di latte è favolosa!!! La crosticina di zucchero sopra la rende irresistibile e vi avverto una fetta tira l'altra!! E' sempre un'emozione per me ritrovare i ricordi del passato nel profumo di una ciambella!! Il trucco per la riuscita ottimale è proprio quello di impastarla a mano... come succedeva un tempo! 

ciambella romagnola

Ingredienti per due ciambelle:
  • 500 g di farina 0
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 30 g di burro
  • 30 g di strutto
  • 3 uova
  • 200 g di zucchero (più quello per spolverare le ciambelle)
  • buccia di limone grattugiato q.b.
  • latte tiepido per impastare la ciambella


In una capiente bacinella montare leggermente le uova con lo zucchero e aggiungere la buccia di limone grattugiata. Inserire poi farina e lievito e amalgamare. Fondere burro e strutto e una volta tiepidi aggiungerli al composto. Per ultimo latte tiepido quanto basta per rendere il composto morbido e appiccicoso. Foderare una placca con carta da forno, versare il composto e modellare con le mani le due future ciambelle. Spolverare le ciambelle di abbondante zucchero (o zuccherini) e infornare a 180° per 30- 35 minuti. In ogni caso quando saranno dorate in superficie e inserendo uno stecchino questo ne uscirà asciutto allora la ciambella è cotta.


Ovviamente è inutile descrivere come quelle piccole crepe tracciate sulla crosta croccante e zuccherosa, quel dolce profumo che si espande per tutta casa e quel semplice sapore di tradizione possano dare una immensa soddisfazione!!

Share:

16 commenti

  1. È possibile sostituire lo strutto con altro ingrediente?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo!!! Utilizza 60 gr di burro invece che 30 gr burro e 30 gr strutto!

      Elimina
  2. Ottima!!la consiglio vivamente!!

    RispondiElimina
  3. Confermo che la ricetta rispecchia al 100% quella della vera ciambella romagnola! Complimenti!!! Manca però a mio avviso un ingrediente fondamentale.. ovvero il quantitativo di una tazzina di caffè di liquore anice!!! Sentirete che roba...! Evviva la romagna!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahaha... grazie mille Sara! probabilmente è tra gli ingredienti fondamentali, ma forse io non l'ho mai messo perchè non mi piace l'anice!!! :-D

      Elimina
    2. non sapevo che qui da noi in romagna si mettesse l'anice,in emilia invece si usa spesso.cmq a me non piace e non lo metto.

      Elimina
  4. Erika, se non hai messo l'anice perche' non ti piace dovresti specificarlo, altrimenti come facciamo a sapere che forse hai dimenticato di scriverlo nella lista degli ingredienti, come succede a molti bloggers, ah,ah,ah...

    RispondiElimina
  5. arrivo in ritardo..cmq anche a me NON risulta che ci voglia l'anice,questo lo usano molto in emilia ..mentre noi siamo in romagna.maria teresa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'unica regione, due mondi diversi ahahahaha!!!

      Elimina
  6. Ciao, quanto latte ci va all'incirca nell'impasto? Inoltre volevo sapere se la consistenza della ciambella dopo cotta è morbida o biscottosa. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende dall'assarbimento della farina,comunque una volta fatto l'impasto se ti sembra duro aggiungi circa 30 ml di latte, e vai avanti così,a 30 ml alla volta fino a raggiungere un composto morbido e appiccicoso. La conistenza una volta cotta è più biscottata che sofficiosa, in realtà è una via di mezzo :-)!

      Elimina
  7. maggio 2017 Ho fatto la gimbella ed è buonissima. In romagna non si mette anice.Grazie per questa buona ricetta.Loredana

    RispondiElimina
  8. Qua in Romagna la "smulghiamo" nel Sangiovese o nell'Albana dolce.😋

    RispondiElimina

© Cuor di Ciambella | All rights reserved.
pipdig