martedì 28 aprile 2015

Cotolette al Forno di Melanzane al Timo

Nessuna voglia di stare ai fornelli? Questa è la ricetta che fa per voi! Veloce da preparare e per il resto... ci pensa il forno! Qualche giorno fa ho chiesto consiglio per nuove idee alla mia amica Michela, che di perdere tempo a cucinare non ne ha proprio voglia e mi ha raccontato di queste favolose cotolette vegetariane che aveva preparato!! L'idea era talmente invitante che le ho fatte subito!! Il mio tocco è stato aggiungere un pizzico di timo fresco che con le melanzane è assolutamente fantastico!

Cotolette di Melanzane

Innanzi tutto preparare il pangrattato: aprite la dispensa e iniziate a tirar fuori tutte quelle mezze confezioni di cracker, grissini, crostini che avete aperto tempo fa, ma che ancora non avete finito. Ponete tutto in un mixer assieme a del pane secco (meglio se integrale) tagliato a cubetti e frullare il tutto fino ad ottenere un pangrattato grossolano, é molto importante fare questo mix perché il sapore e la consistenza sono nettamente diversi dal classico pane grattugiato.

Cotolette di Melanzane

Per circa 2-4 persone gli ingredienti sono: 2 melanzane nere tonde, 3 uova, farina tipo 0 q.b. (circa 150 g) e circa 300g di pangrattato speciale. Aggiungere al pangrattato sale a piacere (io ho utilizzato quello aromatizzato, ma non troppo perché cracker e grissini sono già salati) e le foglioline di una decina di rametti di timo fresco. Prendete tre ciotole: una per la farina, una per l'uovo (leggermente sbattuto) e uno per il pane grattugiato. Dopo aver pelato e tagliato le melanzane a fette spesse circa 6-7 mm, iniziare con il lavoro a catena! Impanare le fette prima nella farina, poi nell'uovo e infine nel pangrattato.

Cotolette di Melanzane

Disporre le melanzane in una teglia con carta forno. Irrorare con un filo di olio evo e infornare a 200°C, a forno ventilato, per 25-30 minuti! Le cotolette devono essere croccanti fuori e morbidissime all'interno!

Cotolette di Melanzane

Un'ottima alternativa vegetariana alle classiche cotolette, ideali anche per l'aperitivo o come sfizioso contorno! Buon Appetito!

Share:

lunedì 27 aprile 2015

Torta Tenerina (gluten free)

Un buongiorno a tutti voi, oggi è il mio primo giorno da "ufficialmente disoccupata" come tante persone mi sono impegnata, ho studiato (tanto) e il risultato è questo, una intraprendente e difficile ricerca verso quello che può essere un lavoro appagante e soddisfacente!!! In realtà ancora non ho ben capito che strada seguire... se quella dei miei studi o quella della mia passione, per cui vivo giorno per giorno e vedremo cosa capita!!! Per ora, il lato positivo è che posso finalmente dedicare un po' di tempo ai fornelli e al mio amato blog!! La ricetta che vi propongo oggi è la classica torta tenerina... un must con la quale il successo è sempre assicurato!!

Torta Tenerina

Ingredienti per una tortiera di 22cm:

  • 100 g di burro
  • 200 g di cioccolato fondente
  • 4 uova
  • 100 g di zucchero
  • 60 g di fecola di patate

La ricetta originale è del maestro Santin con l'unica variante della farina, io ho scelto la fecola di patate. In questo modo la torta potrà essere servita anche per chi ha problemi con il glutine!! Per prima cosa sciogliere burro e cioccolato assieme a bagno maria (potete utilizzare anche il microonde, ma se i tempi di cottura non sono più che perfetti rischiate di bruciare il cioccolato). Separare i tuorli dagli albumi. Montare questi ultimi e quando il composto inizierà ad essere spumoso, unire lo zucchero e continuare a montare fino ad avere una meringa ben solida. Una volta che il composto di burro e cioccolato si è sciolto, togliete dal fuoco e lasciate intiepidire. Aggiungere poi i tuorli, uno alla volta, e la fecola setacciata. In ultimo incorporare la meringa al cioccolato con movimenti dall'alto verso il basso per non smontare il composto.

Torta Tenerina


Versare l'impasto nella tortiera ricoperta di carta forno e cuocere a 175-180 °C per 20-25 minuti. Lasciate intiepidire la torta prima di toglierla dallo stampo e se gradite spolverare con zucchero a velo. Questa delizia ha una crosticina croccante all'esterno è un cuore scioglievole all'inteno! Una volta assaggiata diventerà la vostra torta preferita!!!

Share:

domenica 19 aprile 2015

Burro alle Erbe Aromatiche

A volte le cose più semplici sono le migliori. E questa è una preparazione davvero semplice e versatile. Un ottimo burro, di centrifuga, un mix di erbe aromatiche (che ho raccolto nel mio giardino) e il gioco è fatto. Potete utilizzare questo burro aromatico come condimento per pasta sia fresca che secca, o come accompagnamento per carni o pesci alla griglia e perché no semplicemente da spalmare sul pane!!!

Burro alle Erbe Aromatiche

Ingredienti:
  • 150 g di burro di centrifuga (mi raccomando!!!)
  • un ciuffo di basilico
  • un ciuffo di prezzemolo
  • 4-5 foglie si salvia
  • 3 rametti di timo
  • 6-7 fili di erba cipollina
  • un rametto piccolo di rosmarino
  • 1/2 cucchiaino di sale

Lasciare il burro a temperatura ambiente finché non sarà morbido (circa un'oretta). Nel mixer tritare le erbe con il sale, poi aggiungere il burro e amalgamare il tutto. Potete utilizzarlo subito o conservarlo in frigorifero. Ovviamente prima di utilizzarlo riportarlo a temperatura ambiente. Dato che è primavera io consiglio di guarnire il burro con fiori di rosmarino!

Burro alle Erbe Aromatiche

Perché insisto molto sul fatto che il burro sia di centrifuga?? Molti non sanno che la maggior parte del burro italiano è un burro di affioramento ottenuto come sottoprodotto dalla produzione del formaggio di tipo grana. Questo comporta una perdita delle qualità organolettiche e delle sostanza nutritive. Mentre il burro di centrifuga è un burro ottenuto direttamente dal latte fresco (senza ricavarne prima il formaggio) e la separazione della crema di latte viene fatta a basse temperature in modo da non intaccare le proprietà organolettiche e nutritive del burro (fonte importante di vitamina A) ed evitare la proliferazione batterica. In ogni caso, anche se non è semplice, se cercate tra i diversi burri al supermercato qualche burro di centrifuga lo si trova!! Io ad esempio utilizzo il burro "DallaTorre".

Share:

martedì 14 aprile 2015

Muffin Yogurt e Fragole

La primavera è una stagione meravigliosa... fiori, frutti, e tanti colori!!!! Come tutte le emozioni e sensazioni che provo nella mia vita mi piace poi (forse anche involotariamente) ritrasmetterle con le mie ricette, soprattutto con i dolci! Ed ecco che appena i raggi di sole hanno iniziato a scaldare l'aria, che subito mi è venuta voglia di fragole!!! Io le adoroooo!! E questa volta ne ho fatto dei muffin! Una soffice pasta allo yogurt che raccoglie tutti i profumi e la dolcezza delle fragole... finalmente primavera!


Ingredienti per 12 muffins:
  • 260 g di farina bianca di farro (o la farina che preferite)
  • 120 g di zucchero
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 uovo e 1 tuorlo
  • 70 g di olio di semi 
  • 125 g di yogurt al naturale
  • 12 fragole piccole
  • zucchero a velo q.b.


Come per tutti i muffins il procedimento è semplicissimo. Innanzitutto accendere il forno a 180°C. In una ciotola montare le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso, poi aggiungere lo yogurt e l'olio. Unire poi, poco alla volta, la farina ed il lievito precedentemente setacciati, con movimenti dall'alto verso il basso per non far smontare il composto di uova. Una volta che l'impasto è omogeneo distribuirlo in 12 stampi per muffins fino a riempire i 3/4 del pirottino.


A questo punto lavare 12 piccole fragole e inseritele all'interno dei muffin. Se le vostre fragole sono grandi io vi consiglio di tagliarle a metà e inserire nell'impasto solo mezza fragola. Per la fogliolina verde... beh potete lasciarla o toglierla come preferite!!!! Infornare a 180°C , in forno già caldo, per circa 18-20 minuti. Fate comunque la prova stecchino per accertarvi che siano cotti!! Una volta freddi spolverare di zucchero a velo e servire!



Share:

martedì 7 aprile 2015

Crostata di Farro (a basso IG) Ricotta e Marmellata

Se molti di voi hanno fatto come me, avrete passato le festività a mangiare ogni ben di dio... e i buoni propositi per rimettersi in forma sono arrivati! Proprio per questo un'ottima idea è quella di mantenere sotto controllo il livello della glicemia, assumendo cibi a medio-basso indice glicemico. Ma cos'è l'indice glicemico? E cosa si intende quando si parla di glicemia?

Crostata di Farro Ricotta e Marmellata

La glicemia rappresenta la quantità di glucosio presente nel sangue (mg/dl).
Il sistema di regolazione della glicemia è mediato principalmente dall'azione di due ormoni: l'insulina ed il glucagone. L'insulina è un ormone ipoglicemizzante perché promuove l'abbassamento della glicemia (che si alza dopo un pasto abbondante ricco di carboidrati), mentre il glucagone ha effetti contrari cioè iperglicemizzante (provocando la sensazione di fame quando la glicemia è bassa). Il livello di glucosio nel sangue si alza moltissimo quando un pasto è composto principalmente da grandi quantitativi di carboidrati, specialmente se semplici (ad elevato indice glicemico), mentre aumenta più gradatamente se i carboidrati sono complessi ed associati a proteine, grassi e fibre. In generale l'incremento glicemico è massimo per i carboidrati, medio basso per le proteine e minimo per i grassi. Quando il livello di glucosio nel sangue è in eccesso (rispetto a quello che serve realmente all'organismo come fonte di energia) l'insulina promuove inoltre la trasformazione di quest'ultimo in grassi di riserva. Il controllo glicemico, perciò, è molto importante poiché previene la comparsa del diabete di tipo II e delle sue complicanze, favorisce il controllo del peso corporeo e riduce la produzione endogena di colesterolo.

Crostata di Farro Ricotta e Marmellata

Ecco perché ho studiato questa crostata associando le proteine (uova e ricotta a medio-basso IG) ad una base di carboidrati complessi ricchi di fibre e utilizzando pochi zuccheri. Per ottenere un prodotto per la colazione o la merenda ideale per soddisfare il gusto, ma non aumentare eccessivamente l'IG e rendere sazi per lungo tempo (proprio perché gli zuccheri vengono rilasciati gradualmente nel sangue e non si ha un picco glicemico alto, ma il livello di glucosio rimane costante per cui non si avrà la sensazione di fame)!


Ingredienti per una crostata (diametro 22 cm):

  • 250 g di farina di farro integrale (o qualsiasi farina integrale vogliate, io ho utilizzato 150 g farina di farro integrale e 100 g farina di miglio integrale)
  • 60 g di xilitolo di betulla *
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • 2 uova
  • 80 ml di olio di semi (per me di riso e lino)

  • 300 g di ricotta di siero
  • 4-5 cucchiai  di marmellata di mirtilli senza zuccheri aggiunti

* lo xilitolo di betulla è chimicamente un alcool e non viene metabolizzato tramite l'insulina, di conseguenza non alza la glicemia, in alternativa potete utilizzare dello zucchero di cocco oppure dello zucchero grezzo di canna ricordando che però ha un alto IG..

Crostata di Farro Ricotta e Marmellata

Preparare le frolla unendo la farina, il lievito setacciato, le uova, lo zucchero e l'olio e impastare con le mani fino ad ottenere un composto omogeneo e compatto. Risulterà un impasto leggermente unto non vi preoccupate, è normale. Stendere la frolla tra due foglie di carta forno e ritagliare la forma con la tortiera che desiderate usare (tonda, rettangolare, formine più piccole ecc..). Trasferire la frolla nella tortiera direttamente con la carta forno. Stendere due-3 cucchiai di marmellata sulla base e miscelare l'altra  marmellata con la ricotta precedentemente setacciata o mantecata con una forchetta. Unire il composto di ricotta e decorare con gli avanzi di pasta rimasti. 
Cuocere in forno caldo a 180°C per circa 30 minuti (per me forno con funzione ventilato e statico assieme). Poi altri 5 minuti mettendo la crostata sulla parte bassa del forno. Ovviamente diminuite i tempi di cottura se decidete di fare delle crostatine piuttosto che una crostata grande.

Crostata di Farro Ricotta e Marmellata

Share:
© Cuor di Ciambella | All rights reserved.
pipdig