giovedì 26 ottobre 2017

Gluten Free Pistachios Cookies (Halloween is coming!)

Spesso mi fate richieste di dolcetti #senzaglutine e la maggior parte delle volte è perché avete un bimbo a casa che è celiaco. Beh questi biscottini sono perfetti per intolleranti (e non :-)) in più sono un ottima ricetta di base da poter stravolgere (sotto trovate i vari suggerimenti) per fare tanti dolci golosi!! Inoltre Halloween è alle porte (e io adoro questa festa) per cui  mi sono divertita a rendere "splatter" i miei biscottini con della marmellata ai frutti di bosco e delle piccole asce di zucchero acquistate in Arizona (beh per questo gli americani sono troppo avanti), ma che troverete sicuramente online o in negozi specializzati!!


Ho provato diversi tipi di frolla senza glutine, ma devo dire che questa mi è piaciuta in particolar modo! Friabile e facilmente lavorabile!! Perfetta anche come base per crostate.


Ingredienti:
  • 150 g di farina di riso integrale
  • 55 g zucchero di canna 
  • 1 uovo
  • 30 g di pistacchi triturati in modo fine (per me Manuzzi)
  • un pizzico di sale
  • 1/2 cucchiaino raso di lievito per dolci
  • 60 g di burro
  • i semi di mezza bacca di vaniglia



Le variabili: cominciamo dalla farina, potete sostituirne metà con farina di avena o di altro cereale senza glutine. Potete scegliere una farina di riso non integrale anche se dal punto di vista nutrizionale ve lo sconsiglio. Se volete fare un impasto al cacao sostituite 20 g di farina con 20 g di cacao. Perché la frolla sia friabile e abbia una certa consistenza ha bisogno dello zucchero, non ridurre più di così il quantitativo! La frutta secca: via libera all'immaginazione, nocciole, mandorle, arachidi, ecc. Aromi: vaniglia, limone, cannella... ovviamente è questione di gusti personali. Potete sostituire il burro con l'80% di olio, ma se il burro è quello vero, di centrifuga, non vi farà male (basta non mangiarne in quantità, né tutti i giorni). Se siete intolleranti alle uova potete sostituirlo con del latte di soia (circa 2-3 cucchiai o quanto basta per impastare bene la frolla, mettetene sempre con poco alla volta). Potete aggiungere gocce di cioccolato o intingerli nel cioccolato fuso una volta freddi o farcirli due a due con marmellata o crema di nocciole. In quest'ultimo caso lo spessore dei biscotti dovrà essere di 2-3 mm. Se invece il biscotto non deve essere farcito allora anche 5-6 mm.


Partiamo con il procedimento. Amalgamare il burro morbido (lasciatelo fuori dal frigorifero la sera prima) con lo zucchero. Aggiungere poi l'uovo. Infine quando il composto sarà omogeneo (potete aiutarvi con delle fruste elettriche) inserire anche la farina, il lievito, il pizzico di sale e i pistacchi.


Lasciate riposare la frolla in frigorifero per almeno 12 ore (il segreto sta nel farla il giorno prima). Stendere la frolla (nel caso risultasse appiccicosa aiutatevi cospargendo il panetto con della farina di riso) dello spessore desiderato (vedi sopra). Cuocere a 180°C per 10-15 minuti a secondo dello spessore (sentirete quando sono pronti prima di tutto dal profumo che invaderà casa e poi dal colore leggermente ambrato che assumeranno). Io personalmente li preferisco sottili e croccanti!



Vi rimane solo da provare a mettere le mani in pasta e dirmi se vi sono piaciuti!!!!

Share:

domenica 22 ottobre 2017

Castagne, Latte e Miele: il mio Montebianco

Autunno quanto mi piaci!!! Non so voi, ma io in questo periodo vivrei di zucca mantovana e castagne!!! Proprio per questo oggi vi offro un dolce cucchiaio di Montebianco (l'ispirazione per questa ricetta viene dalla bravissima tavolartegusto). Semplice negli ingredienti (solo castagne, latte e miele) e ricchissimo di gusto. Un insieme di profumi e sapori che sanno d'autunno. Ogni cucchiaiata vi farà sentire in paradiso. L'unica noia (lo premetto) è sbucciare le castagne, quindi partite facendone una dose ragionevole (non è un dolce da fare in grandi quantità se no finireste per odiarlo ahahah). Però credetemi anche quel briciolo d'impazzimento sarà ripagato quando affonderete il cucchiaio nella fondente crema di castagne!!!


Ingredienti per 4 persone:

  • 300 g di castagne di ottima qualità lessate e senza buccia (circa 500g da fresche con la buccia)
  • 100 g di miele d'acacia 
  • 300 g di latte fresco intero 
  • 1 pizzico di sale
  • 150 ml di panna liquida fresca 
  • scaglie di cioccolato fondente per decorare 


Lavate le castagne sotto l’acqua corrente, scolatele bene e intaccatele, tagliando con un coltello affilato un pezzettino di buccia. Man mano che le intaccate, adagiatele in una pentola grande piena d’acqua. Quando avrete fatto quest’operazione per tutte le castagne, ponete la pentola sul fuoco e lessate le castagne per circa 30- 40 minuti. Scolate le castagne lessate, lasciatele intiepidire e sbucciatele (io tologo la polpa aiutandomi con un cucchiaino), privandole anche della loro pellicina marrone. Ponete le castagne sbucciate in una ciotola e pesatele, se sono un peso diverso da 300 g cercate di fare una proporzione, più o meno, degli altri ingredienti in base al peso che avete.

Mettere in una casseruola solo le castagne buone, quelle chiare. Aggiungete il latte e il miele. Ponete sul fuoco basso, appena il latte prende il bollore, coprite con un coperchio, girando di tanto in tanto per circa 30 minuti. Il tempo che tutto il latte venga assorbito dalle castagne. Frullate il composto con un minipimer, fino ad ottenere una purea di castagne liscia, priva di grumi e molto densa. Lasciate raffreddare completamente. Con l’aiuto di uno schiacciapatate, schiacciate la vostra purea facendola cadere a pioggia senza comprimerla. Io ho fatto delle monoporzioni, ma potete metterla tutta in un piatto da portata formando proprio una montagna.

Montate la panna (io ho scelto di non zuccherarla proprio per contrastare la dolcezza delle castagne con il miele. Servitevi di una sac à poche e decorate come preferite. Infine spolverizzare con scaglie di cioccolato fondente.


Questo dolce è davvero genuino perfetto per grandi e piccini! Le castagne sono una preziosissima fonte di energia grazie alla sua grande quota di carboidrati complessi che rilasciano energia lentamente rendendovi sazi a lungo. Possono essere usate come sostituto del pane o della pasta. In più sono praticamente prive di grassi e molto digeribili!!
Share:

sabato 7 ottobre 2017

Crema di Zucca con granella di Pisticchi e Robiola di Capra

Eccomi di nuovo qua, dopo una lunga pausa dal blog sono tornata! Nella mia vita ci sono stati tanti cambiamenti e non vi nego che i livelli di stress hanno raggiunto picchi elevati! Ma finalmente ho ripreso a cucinare e ho tante novità da raccontarvi!!! Una di queste è che ho deciso di rinfrescare un po' il blog e per inaugurare la nuova grafica ho deciso di rifare una delle prime ricette pubblicate sul blog... la crema di zucca (così ho rinnovato anche le foto che erano un po' indecenti) facile, veloce ed economica!!!!


La crema di zucca per me è il comfort food per eccellenza quando fuori inizia a fare freddo! Aspetto questa stagione sempre con grande gioia, adoro i prodotti ed i colori che l'autunno ci riserva. Semplicissima da preparare questa crema è super versatile, basta aggiungere della frutta secca, un formaggio cremoso (anche veg) e qualche crostino che la cena è risolta. Il bello di questa crema è che si può preparare in anticipo e si conserva in frigorifero per qualche giorno!


Ingredienti per 4:
  • 500 g di zucca pulita
  • 1 cipolla grande o 4 scalogni
  • 1 patata grande
  • acqua calda q.b.
  • sale 
  • 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva 
  • pistacchi (o altra frutta secca) q.b.
  • 200 g di robiola di capra (o altro formaggio cremoso)


Sbuccia e taglia grossolanamente cipolla, zucca e patate. Metti tutte le verdure in un tegame precedentemente scaldato con 2-3 cucchiai di olio evo. Rosola le verdure a fuoco alto per circa 5 minuti. A questo punto aggiungi acqua calda fino a un cm sotto le verdure (se hai tempo prepara il brodo di verdura). Abbassa il fuoco e cuoci, senza coperchio, finché zucca e patata non saranno tenere. Ovviamente più i cubetti di verdura sono piccoli minore sarà il tempo che serve per la cottura. Frulla il tutto con un frullatore a immersione. Se la crema ti sembra troppo liquida riportala sul fuoco fino a consistenza desiderata.


Così per conoscenza, se non lo sapevi già, la crema si distingue dalla vellutata perché non ha il roux come base (tipico invece delle vellutate), ma è semplicemente una tipologia di verdura che viene cotta con acqua o brodo e frullata. Se si fa di più verdure, invece, viene definita passata.


Una volta impiattata la crema, aggiungi un cucchiaio di formaggio cremoso ( o se devi servirla a degli ospiti una quenelle fa più figo :-)) a temperatura ambiente, pistacchi tostati e un filo di olio evo. Servi la crema con crostini fatti tostando in forno dei cubetti di pane integrale con un filo di olio e un pizzico di sale. Salutare, gustoso e davvero confortate!! Provare per credere!!!

Share:
© Cuor di Ciambella | All rights reserved.
pipdig