Scroccadenti (i Biscotti Romagnoli da Tocciare)

A... la Romagna... non c'è altro posto in cui vorrei stare! Abbiamo il mare, la montagna, l'arte e la poesia... ma la cosa, che a chiunque passi da queste parti, rimane nel cuore è il cibo!! Genuino, sano, gustoso, un tripudio di materie prime che tutto il mondo ci invidia!! E così, dopo aver elogiato la mia terra, vi presento uno dei dolci tipici che non manca mai sulle tavole dei romagnoli: gli Scroccadenti! Questi biscottini, molto simili ai "Cantucci" toscani, nascono per essere "tocciati" (inzuppati) nel vino... soprattutto quando si è  in compagnia! E tra una chiacchiera e l'altra si finisce per lasciare solo le briciole!! Questo è stato uno dei primi post che ho pubblicato sul blog (esattamente l'otto gennaio del 2014), ma oggi ho deciso di rispolverare questa magica ricetta e la voglio (ri)condividere con voi!


Semplici da preparare, dolci ma non troppo, croccanti al punto giusto. Uno di quei biscotti che difficilmente può non piacere. La ricetta è della mia maestra di cucina Giorgia Lagosti. Le sue ricette sono sempre una garanzia.


Ingredienti:
  • 330 gr di farina tipo 0 oppue 1
  • 150 gr di zucchero
  • 50 gr di burro
  • 3 uova grandi
  • 100 gr di mandorle con la buccia
  • 1/2 bustina di lievito per dolci

Il procedimento è molto semplice. Si mettono tutti gli ingredienti, tranne le mandorle, in una ciotola e si impasta fino ad ottenere un composto omogeneo (potete usare anche la planetaria o il mixer). Unire a mano le mandorle intere.


Modellare, con le mani bagnate, tre "salamini" e disporli ben distanziati in una placca ricoperta con carta forno. Cuocere a 180°C (forno già caldo) per circa 20 minuti. I salamini devono essere sodi e lievitati. Porre i filoncini su un asse di legno e con un coltello a lama alta e regolare (quello per tagliare le tagliatelle per intenderci) con colpi veloci e decisi tagliare i filoncini a fettine. Riposizionare i biscotti sulla placca, rimettere in forno a 170°C per circa 30 minuti, con il forno leggermente aperto, per tostare gli scroccadenti. A metà tempo della tostatura girare i biscotti.


Viva la Romagna!

You May Also Like

2 commenti

  1. Ciao Erika,
    in effetti questi biscotti romagnoli sono parenti stretti dei cantuccini, di Prato ma popolari in tutta la Toscana e fuori.Il procedimento è quello,con qualche ingrediente in meno ( miele, cannella,a occhio).Tradizione e piacere di cose buone e antiche.
    Saluti cari
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Marilena, hai proprio ragione, sono molti simili! Le ricette popolari sono sempre le migliori! Grazie per essere passata! Un abbraccio!

      Elimina

Grazie per esserti fermato nel mio blog. Se ti va, lascia un commento: ti risponderò con molto piacere. Ti ricordo che se commenti con un account registrato ACCONSENTI a pubblicare il link al tuo profilo tra i commenti. Perciò, prima di commentare consulta la PRIVACY POLICY per ulteriori informazioni.

SUBSCRIBE NEWLETTER


Semplicemente... Cuor di Ciambella
Tutti i testi e le immagini presenti in questo bolg sono di proprietà esclusiva dell’autrice del blog e sono protetti dalla legge sul diritto d’autore n. 633/1941 con successive modifiche. Non è autorizzato l’utilizzo o la pubblicazione di qualsiasi tipo di contenuto in altri spazi della rete senza preventiva richiesta a: erika.brugugnoli@alice.it. Inoltre tutto il materiale prelevato dovrà essere collegato tramite link diretto, al contenuto originale. Questo blog nasce per scopo amatorale per condividere una passione con gli utenti della rete e non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità, per questo motivo non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n 62 del 7/3/2001.